lunedì 16 marzo 2015

Dargen D'Amico

Si chiama Jacopo, ben vestito, deve il suo nome d’arte a quei libri/gioco che andavano di moda qualche decade fa dove uno dei personaggi era D’argento, così ha tolto l’accento ed è diventatoDargen
Delicato, pacato, riflessivo è totalmente l’opposto di quello che ti aspetti da un rapper , anche se, nel suo caso, definirlo solo rapper è quasi riduttivo.
Con “D’Io” siamo al 7/8 disco, si perché anche lui, considerando tutte le cose che ha pubblicato, fa fatica a ricordarsi a che numero siamo.

Sta crescendo, personalmente è il suo secondo disco che ascolto dopo quello dell’anno scorso ”Vivere aiuta a non morire”. Questo è un disco molto ben prodotto. Mi ha spiegato, sempre con la sua delicatezza, che con questo album ha tirato le somme di tutti i suoi lavori precedenti e, devo dire, che ha fatto un ottimo lavoro. A mio avviso, come ho detto a lui e, vista la mia natura radiofonica, credo che soprattutto due siano i brani adatti alle radio: il primo è “Amo Milano” che, effettivamente, è già stato trasmesso molto dai vari network nazionali, il secondo “Modigliani”, pezzo bellissimo che, mi ha confessato, ha faticato non poco a comporre e che , però, lui, nonostante sia già stato scelto come prossimo singolo, reputa difficile come testo. Non ha tutti i torti, ma, ripeto, secondo me è una bomba.

Dargen riesce a scrivere e comporre le sue canzoni solo a Milano. E’ una specie di maledizione per uno che ama viaggiare e al quale piacerebbe poter scrivere ogni volta che si trova in un posto diverso, invece no, non ci riesce, subisce quasi un blocco che gli impedisce di tramutare in musica i suoi pensieri del momento. Problema che si risolve automaticamente appena rientra a Milano. Qui magicamente torna la magia e suona, scrive e produce. Ha una sua casa di produzione ( si chiama Giada Mesi, che io pensavo fosse una donna vera, invece no è un nome senza senso creato appositamente), tra le sue scoperte Andrea Nardinocchi, rivelazione di qualche anno fa che, a breve, dovrebbe pubblicare un nuovo disco.

Per leggere l'articolo su Leggo.it e vedere il saluto di Dargen D'Amico CLICCA QUI

Padel per beneficenza al Forte dei Marmi

  Obiettivo?  Sostenere la Fondazione dell'Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze Questo week end al Forte dei Marmi ci siamo divertiti co...