martedì 28 aprile 2015

Roberto Casalino

Almeno il 60% dei più grandi successi radiofonici degli ultimi anni sono usciti dalla sua penna.
Vi segnalo “Non ti scordar mai di me” portata al successo da Giusy Ferreri e “L’Essenziale” con il quale Marco Mengoni ha vinto il Festival di Sanremo due anni fa. 
Almeno il 60% dei più grandi successi radiofonici degli ultimi anni sono usciti dalla sua penna.
Vi segnalo “Non ti scordar mai di me” portata al successo da Giusy Ferreri e “L’Essenziale” con il quale Marco Mengoni ha vinto il Festival di Sanremo due anni fa.
Credo però sia abbastanza riduttivo segnalarvi solo queste due canzoni perché Roberto ha un curriculum di tutto rispetto.
Ha scritto brani per Syria, Alessandra Amoroso, Emma Marrone (tra cui i singoli "Con le nuvole","Cullami" e "Cercavo amore"), Annalisa Scarrone ( tra cui i singoli "Diamante Lei e Luce Lui", "Giorno per giorno" e "Senza riserva"), Dear Jack (tra cui il singolo "La pioggia è uno stato d'animo"), Fedez (il singolo"Magnifico" feat.Francesca Michielin), Francesco Renga ("A un isolato da te" e "L'amore altrove" feat. Alessandra Amoroso).
Nel 2012 ha scritto a quattro mani con ELISA il brano "Distratto", portato al successo da Francesca Michielin (vincitrice di X FACTOR 5).
Al Festival di Sanremo arriva in qualità di autore per ben tre anni consecutivi: nel 2012 con il brano "Per sempre" interpretato da Nina Zilli; nel 2013, come ho scritto in precedenza, con il brano "L'essenziale" cantato da Marco Mengoni si aggiudica la vittoria del Festival. E nel 2014 sono tre i brani al Festival: due per Giusy Ferreri ( "Ti porto a cena con me" e "L'amore possiede il bene" ) e uno per Francesco Renga ( "A un isolato da te" ).

Ho conosciuto Roberto grazie ad un amico in comune, Nicco Verrienti, anche lui autore e componente, con il sottoscritto, del Collettivo Salentino.
Ci siamo incontrati a Milano in occasione della presentazione del suo ultimo disco “E questo è quanto”. Porta sempre con lui un quadernino dove appunta tutto, qualsiasi cosa che lo ispiri, lui scrive. Gli avevano anche proposto di metterlo all’asta a scopo benefico (all’interno anche la primissima stesura di “Non Ti scordar mai di me” il brano che gli ha aperto le porte del music business), ma è troppo legato da privarsene anche se per un buon fine.
Sorprende, invece, che, nonostante le sue altissime credenziale e l’ottima qualità del disco, il suo progetto solista non stia avendo la giusta esposizione mediatica. Ne abbiamo parlato insieme ed entrambi siamo arrivati alla conclusioni che a volte le dinamiche del mercato discografico italiano sono inspiegabili. Ascoltate il suo disco, ne vale davvero la pena. Ascolterete il disco di uno dei più importanti e prolifici autori italiani dell’ultimo decennio.
In bocca al lupo Roberto. Noi ti sosteniamo!

Per leggere l'articolo su Leggo.it e vedere il saluto di Roberto Casalino CLICCA QUI